THE GREAT BEAUTY

Paolo Sorrentino, Tony Servillo, the great beauty, film, cinema, cannes, oscar, colors, art, beauty

the great beauty, film, cinema, cannes, oscar, colors, art, beauty, Paolo Sorrentino, Tony Servillo

Paolo Sorrentino, Tony Servillo, the great beauty, film, cinema, cannes, oscar, colors, art, beauty

Paolo Sorrentino, Tony Servillo, the great beauty, film, cinema, cannes, oscar, colors, art, beauty

Paolo Sorrentino, Tony Servillo, the great beauty, film, cinema, cannes, oscar, colors, art, beauty

Pictures from the film: The Great Beauty

I have seen the film “The Great Beauty“. I was very curious to watch it because of all the Oscar-related buzz around the film. After all it’s been some years since an Italian film came so near to receiving the most important prize of the cinema world!
I loved The Great Beauty. Rome is always amazing, it never disappoints! I loved that all the images of the film are paired in a constant game of likenesses and differences using all elements: lights, sounds, colors, etc. Also: there are all these huge parties that made me think of a modern Fellini-esque crowded situation. A delicate and supremely well-balanced “structure & chaos” ratio runs perfectly throughout the whole film.

I have found one first, crystal clear (and pretty simple) moral of the story that the film tells: life is together happiness and grief, it could be fun and upsetting at the very same time. But I have been mostly touched by the second (and hidden) moral of The Great Beauty. In fact I have been totally captured by the film’s concept of “the waste of time”.

Procrastinating things is greatly related with the fear of doing things wrong, and I find this possibly the most human of all fears. The Great Beauty for me is all about deciding to stay firmly devoted to an old (winning and successful) idea of self and renouncing – by keeping on posticipating – the risk of making choices that could act like a havoc in one’s life.

And I must admit I found greatly intriguing to explore the idea of vanity at its highest level so that it has the power of allowing the man to only live the present, making the past the true idol of his own life and that forbids to fully enjoy the future.

Have you already seen the film? Did you love it or hate ? What do you think of it?

 

Immagini tratte dal film: La Grande Bellezza

Qualche giorno fa ho visto il film La Grande Bellezza. Devo ammettere che il motivo principale è stato curiosità alimentata soprattutto dal successo della pellicola e dal buzzche ha alimentato, dai premi anche internazionali vinti (l’ultimo, l’inglesissimo BAFTA) e da tutti i rumorslegati alla candidatura agli Oscar. E’ da un bel pò di anni che aspettiamo una candidatura tutta italiana e per questo motivo farò sicuramente un grande tifo per la grande Bellezza durante la cerimonia degli Oscar!
Ho sentito e letto pareri opposti sul film, è uno di quei casi in cui o si odia o si ama. A me La Grande Bellezza è piaciuto. Mi è piaciuta Roma, sempre unica! Mi è piaciuto un sacco l’utilizzo delle immagini accostate per somiglianze e per differenze attraverso ogni elemento possibile: luci, suoni, colori… Gran parte della trama del film si snoda attraverso eccezionali e ambiziosissime feste che mi hanno fatto pensare alle indimenticabili scene felliniane piene zeppe dei più improbabili esseri umani. E tutto il film si sviluppa sul rapporto scivoloso, delicato e così difficile da tenere insieme di caos e ordine.

Ho trovato due morali. La prima, la più facile ed evidente non fa altro che confermare una verità anche alquanto scontata: che la vita è contemporaneamente grande felicità e grande dolore, e può essere divertente e sconvolgente allo stesso tempo. Ma a dire il vero sono stata attratta soprattutto dal racconto di una diversa morale, un pò più nascosta della prima e che ruota attorno al concetto di “perdita di tempo”.

Procrastinare è un modo diverso per dimostrare di avere paura di fare qualcosa, dell’errore. E io trovo che questa sia, tra tutte le paure, la più umana. Ecco, per me la grande bellezza racconta i motivi che hanno portato un uomo a rimanere fermamente devoto alla vecchia (ma vincente perchè di successo) idea di sè rinunciando così – cioè rinviando, rinviando, rinviando – al rischio che comporta fare delle scelte.
E’ davvero affascinate esplorare l’idea della vanità quando questa si manifesta nel suo livello più elevato con il conseguente potere di far vivere esclusivamente nel presente, rendendo il passato un idolo da adorare e chiudendo (quasi) per sempre i cancelli al futuro.

Avete anche voi visto il film? Cosa ne pensate?

1 Comment

Leave a Reply