STRIPES / RIGHE

fashion, style, oysho, stripes, tommy hilfiger, blue, white, summer, spring, 2014, trends

Striped tee shirt by Oysho, wedges by Tommy Hilfiger

Picture by me

Yes, it is again that time of the year when stripes are back in all their glory.
Strange how I tend to refuse wearing them for most part of the year because stripes – and horizontal stripes above all – make everyone looks larger. But such thing seems to disappear every year from April on, when the fashion trend of stripes blossoms.
While I guess you all can link stripes to the French chicnessand effortless style, have you ever wondered about its origins? Well, I have, so I searched and here’s what I found.

The striped shirt was born as a French sailor’s uniform. It was designed to help distinguish the sailors from the waves in case they fell overboard. Curiosity: during that time, every shirt displayed 21 stripes, one for each of Napoleon’s victories. In 1917 after a trip to the Brittany coast, Coco Chanel was inspired by the sailors stripes of the naval uniforms and used them in her 1917 nautical line.
So by the ’30s, stripes had been elevated from a sailors’ uniform to “haute couture” status. By the ’50s and the ’60s the cinema in France re-embraced the stripes, making this look synonymous with that era.
Nowadays a striped shirt is a true fashion essential, a real fashion staple, just like a LBD little black dress. You must have at least one striped tee shirt in your closet!

It is important to wear and to enjoy stripes in a smart way, that is according to everyone’s body shape.
So, just because horizontal stripes make people look wider, I suggest to wear them loosely on the waist (avoiding anything too much form-fitting, unless you are a super skinny Parisian girl…in which case I really envy you!). Remember: comfort always wins! Another little fashion trick: if you wear a striped tee shirt note that a thicker stripe in a darker color will help minimize the widening even more.

Which is your favorite way to wear stripes?

Siamo di nuovo in quel particolare periodo dell’anno in cui le righe sono dappertutto. E’ strano perchè di solito le evito – soprattutto quelle orizzontali – visto che allargano la figura. Però all’improvviso ogni anno a partire dal mesi di Aprile sembra che questo non sia più valido, infatti il trend delle righe sboccia e si diffonde dappertutto. Le righe sono sinonimo di chic parigino, di eleganza francese (che io vorrei tanto avere!), ma vi siete mai fatti qualche domanda sulle sue origini? Io si, ed ho scoperto una storia molto interessante.

Le primissime maglie a righe nascono come uniformi dei marinai francesi, ed erano a righe per il semplice motivo che aiutavano a distinguere il corpo del marinaio dalle onde, nel caso di caduta in mare. Una curiosità: in quell’epoca le righe su ogni maglia erano 21, una per ciascuna delle vittorie di Napoleone. Nel 1917, dopo una vacanza al largo delle coste della Bretagna, Coco Chanel si lasciò ispirare dalle righe dei marinai francesi e le utilizzò nella collezione che fece sfilare quello stesso anno. Arrivati gli anni ’30, le righe erano già passate da abbigliamento dei marinai all’ haute couture. Nei successivi anni ’50 e ’60 sono state onnipresenti compagne delle dive del cinema francese (e non solo), e queste ultime hanno contribuito a crearne lo status di look iconico e chic (e francese) per antonomasia.
Oggi la maglia a righe è un capo essenziale, un vero e proprio must-have, proprio come il super celebrato LBD (little black dress). Non si può prescindere dall’avere almeno un capo a righe nel proprio armadio!

E se da un lato l’effetto ottico di allargare la figura umana che le righe hanno è reale, è altrettanto vero che esistono piccoli trucchetti intelligenti perchè tutti possano indossare le righe sentendosi femminili e a proprio agio. Quindi, proprio per evitare il fastidioso effetto ottico, le maglie a righe dovrebbero essere indossate in modo morbido e sblusato sulla vita, evitando le opzioni troppo strette e form-fitting (a meno di essere una magrissima parigina…e in questo caso sono super invidiosa!). Regola d’oro: la moda non deve essere sacrificio e costrizione, ma è cultura e ci deve fare stare bene e a nostro agio. Sempre. Altro piccolo trucchetto: se si sceglie un capo con delle righe scure più grosse delle altre righe chiare, anche questo aiuterà a creare un effetto ottico più favorevole nei confronti della forma del nostro corpo.

E voi, come le indossate le righe?

3 Comments

  • […] not like I simply rely on a couple of classics that I am sure I will never get tired of: denim and stripes. Just to avoid looking too boring I try to work on shoes and accessories, balancing those with the […]

  • […] their big, wide stripes can be paired with every look, from the sporty ones to those more “French chic“. I love the idea of the leather tassels because they add a feminine touch, and I also like […]

  • […] their big, wide stripes can be paired with every look, from the sporty ones to those more “French chic“. I love the idea of the leather tassels because they add a feminine touch, and I also like […]

Leave a Reply